Il Manifesto dei 180 comitati, ripartire dalle periferie

«Il Manifesto per Milano è una ventata d’aria pura» e questa folata ha aperto la porta di un teatro glorioso, appena restaurato e dunque simbolico: il Coordinamento dei comitati ha scelto il Puccini per un confronto pubblico «sulle terapie per la città malata», a metà giugno. Sarà un forum in cui «riflettere a voce alta» e «allargare il dibattito » aperto dal Corriere, coinvolgendo quanti si sentono «esclusi, inascoltati» dalla politica, i milanesi che «presidiano il territorio» e lo vogliono «cambiare, partendo dalle periferie». Il sociologo Aldo Bonomi li sta studiando: «Sono oltre 180 movimenti, segnalano la crisi dello spazio pubblico».

masterpro